Artista: IL TURCO  Anno: 2018  Genere: HIP HOP
 

Testo
[Ritornello:Il Turco]
Il vento freddo che mi taglia la faccia
Il ghiaccio in strada è come quello sulla traccia
E qua lo stato è ancora stato di minaccia
Qua fori il mondo casca e dimmi cosa vuoi che faccia
Io sempre avanti solo con le mie braccia
Devo esse pronto preparato a sta vitaccia
Il mondo è questo e sai non serve che ti piaccia
Io cavalco queste onde fino all’ultima spiaggia[Strofa 1:Il Turco]
Fanculo il primo giorno, conta come vivi l’ultimo
Nessun rimorso e sul percorso sono l’unico
Lupo solitario, sguardo cupo e temerario
Mentre scruto lo scenario cerco almeno di essere lucido
Sputo sul salario e su uno staccio di compenso
Faccio ancora quello che penso pure senza consenso
Quello che ho dentro io lo butto fuori
Perchè se poi lo tengo dentro faccio a botte con il buttafuori
E fino a quando c’hai la voce strilla
Io combatto, batto il tempo mi batto il petto come un gorilla
Sono una stella che brilla di luce propria
Tu uno stronzo come tanti sei una copia di una copia
Spilla un’altra birra giù in borgata al pappetto
Sto amico parla parla ma non ho capito c’ha detto
Io metto i sogni in fondo all’ultimo cassetto
E palleggio col futuro giù al campetto da calcetto[Ritornello:Il Turco]
Il vento freddo che mi taglia la faccia
Il ghiaccio in strada è come quello sulla traccia
E qua lo stato è ancora stato di minaccia
Qua fori il mondo casca e dimmi cosa vuoi che faccia
Io sempre avanti solo con le mie braccia
Devo esse pronto preparato a sta vitaccia
Il mondo è questo e sai non serve che ti piaccia
Io cavalco queste onde fino all’ultima spiaggia[Strofa 2:Egreen]
Più dei miei rimasti dopo
Gli ultimi: “puo darsi dopo”
Gli ultimi: “sticazzi dopo”
Gli ultimi decessi in loco
Ci vogliono messi al rogo
Dopo mesi in para dura imparo ancora dalla vita e metto a fuoco
Venti venti, sputo ancora stringi i denti
Cucio bocche e do il mio corpo in pasto a questi miscredenti
Vieni e siediti sulla mia coscia
Che ti spiego due cosine su sta scena che adesso è una minchia moscia
Sempre fiamme in cielo come il quattro luglio
Questi scemi in panne tornano per la fresca, io ritorno in studio
Pompa sta merda sul tuo panamero o sopra il busto dopo il tuo turno di lavoro stanco prima della cena
Cemento armato alias g fantini aka devi mangiarne ancora di panini
Sempre milano-roma
Con pietro daje e forte
Fino all’ultima doccia di sudore che mo c’ho in fronte[Ritornello:Il Turco]
Il vento freddo che mi taglia la faccia
Il ghiaccio in strada è come quello sulla traccia
E qua lo stato è ancora stato di minaccia
Qua fori il mondo casca e dimmi cosa vuoi che faccia
Io sempre avanti solo con le mie braccia
Devo esse pronto preparato a sta vitaccia
Il mondo è questo e sai non serve che ti piaccia
Io cavalco queste onde fino all’ultima spiaggia

amazonbannercsimusic
Vuoi vedere tutti i BTD di questo mese? vai QUI
Contrassegnato da tag

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...