Artista: BASSI MAESTRO,GHEMON Anno: 2012  Genere: RAP ITALIANO
 

ALBUM : PER LA MIA GENTE

Testo

La mia generazione sa bene quello che vuole
Per noi è tempo di splendere come un rolex
Conto i kilometri fatti con queste suole
Anche se adesso piove domani il mio cielo avrà ancora un sole
Nonostante i drammi, gli affanni, gli scazzi siamo ancora avanti
Dei pazzi, dei grandi
Nonostante tutto ancora sui nostri passi
Nonostante gli altri, sempre Ghemon e Bassi
Nonostante le incertezze, le frasi lasciate perse, le mezze promesse, vivo ancora da rapper
Quando anni fa vi dicevo che non avrei smesso, lo dicevo senza capirne veramente il senso
Dentro dal fondo, dal centro dall’origine di un mondo
Che ha barattato regole rigide paga il conto
Come un senza tetto che vive in strada ma in confronto a tutti
Vive come un principe
Le rivincite avute, me le sono godute
Ma le amicizie concluse sono fottute per sempre
Dalla parte di chi i posti li chiude, la realtà non mi illude più
Con le sue battute da show in tv
In più, con le porte chiuse in faccia provaci tu a tenere in piedi la faccenda
Quando il lato oscuro ti fa buio e ti annienta
Diceva rappresenta, rappresenta e adesso è giù col padre in azienda
Chi fa volare i porco d.. di santa pazienza
Ma se impari a vivere di rabbia non puoi starne senza
Generazioni di guerrieri, domani, come ieri le mani nei cieli gli sguardi leggeri
Dobbiamo reimparare a goderci la vita
Restare in bilico fino a fine partita
E voi la fuori non chiedetemi chi sono adesso
Sono il segreto del vostro successoLa mia generazione sa bene quello che vuole
Per noi è tempo di splendere come un rolex
Conto i kilometri fatti con queste suole
Anche se adesso piove domani il mio cielo avrà ancora un sole
Nonostante i drammi, gli affanni, gli scazzi siamo ancora avanti
Dei pazzi, dei grandi
Nonostante tutto ancora sui nostri passi
Nonostante gli altri, sempre Ghemon e Bassi

Appoggiato con le spalle a un angolo del mio quartiere
Vedo quello che la gente non vuole farmi vedere
Arciere contro nostalgie barricadere
Tiro frecce alle certezze, qui il match è proprio farle cadere
Certi giorni dico vado in altri mi sento un capo
Ma poi ho i tratti somatici di uno schiavo
Quando non sai smettere inizia la dipendenza
Ad ogni falsa partenza si ricomincia da capo
Non volevo fare quello colto
Nel rap tirarsi è un colpo è facile farsi mollare il colpo
Senza protezioni nudo ci ho messo il mio volto
Io contro tutti e sono nel mio solco
Tutto è in ciò scrivo come un testamento
Sul mento e giù la testa a tempo
Dagli anni di “È qui la festa?” con i beanie Kangol
Ti resta dentro come una scossa di assestamento
Non avessi pensato fuori dal gruppo
Ed avessi sfruttato il trend del momento
Vi sarei stato più simpatico e col trucco
Farei parte del vostro assembramento
Ma ho scelto di non essere confuso col tutto
Del piano regolatore del vostro accentramento
A mente vuota ruoto il bastone come nel Kendo
Nessuno si dimenticherà cosa sto facendo

La mia generazione sa bene quello che vuole
Per noi è tempo di splendere come un rolex
Conto i kilometri fatti con queste suole
Anche se adesso piove domani il mio cielo avrà ancora un sole
Nonostante i drammi, gli affanni, gli scazzi siamo ancora avanti
Dei pazzi, dei grandi
Nonostante tutto ancora sui nostri passi
Nonostante gli altri, sempre Ghemon e Bassi

 

amazonbannercsimusic
Vuoi vedere tutti i BTD di questo mese, e quelli dei mesi scorsi? vai QUI
Contrassegnato da tag

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...