Coinbase, il famoso exchange/wallet di criptovalute, potrebbe molto presto supportare nuovi asset digitali, tra cui anche il prossimo Gram, la criptovaluta della rete Telegram.

Tramite un post pubblicato sul Blog Ufficiale, Coinbase sta esplorando il supporto per risorse che non sono state ancora proposte ai clienti in tutto il mondo.

L’obiettivo di Coinbase è offrire supporto per tutte le risorse che soddisfano i propri standard tecnici standard tecnici e che sia conformi alle leggi applicabili.

Coinbase prevede che i suoi clienti in tutto il mondo avranno accesso tramite le sue piattaforme ad almeno il 90% della capitalizzazione di mercato aggregata di tutte le risorse digitali in circolazione.

“Fino ad oggi, abbiamo ampiamente esplorato il supporto per attività che sono già attive e disponibili per il trading in altri luoghi. Oggi annunciamo la nostra intenzione di esplorare risorse che non sono state avviate e che Coinbase potrebbe scegliere di supportare in futuro.”

Coinbase continuerà a valutare le potenziali risorse rispetto al proprio Digital Asset Framework per valutare fattori come la sicurezza, la conformità e l’allineamento del progetto con l’intento creare un sistema finanziario aperto per il mondo.

coinbase new asset

I nuovi asset in fase di studio sono i seguenti in ordine alfabetico: Avalanche, Celo, Chia, Coda, Dfinity, Filecoin, Handshake, Kadena, Mobilecoin, NEAR, Nervos, Oasis, Orchid, Polkadot, Solana, Spacemesh e Telegram .

Non è detto, come è successo già in passato, che tutti gli asset sotto osservazione vengano poi resi disponibili sull’exchange.

Se vuoi saperne di più su Coinbase, leggi la nostra recensione qui.

La presenza di Telegram fa capire quanto sià vicinissima l’uscita del suo token Gram.

Altro particolare è la mancanza della presenza di Libra la criptovaluta di Facebook, che proprio in questi giorni, tramite un intervista ad un quotidiano svizzero di David Marcus, responsabile di Calibra presso Facebook, ha affermato che l’obiettivo dell’azienda rimane quello di lanciare Libra nel 2020, nonostante la grande ostilità dei regolatori nei confronti del progetto.

“Credo che Libra dovrà affrontare più problemi di accettazione da parte degli utenti che di natura normativa.”

David Marcus ha parlato dei timori dei regolatori, secondo cui la stablecoin di Facebook, uno dei social media più conosciuti, potrebbe stravolgere le politiche monetarie delle banche centrali e destabilizzare il sistema finanziario globale.

bannerprimipassi

Ti è piaciuto il post e ti piacciono i contenuti del nostro blog? Condividi su Facebook, Twitter o qualsiasi altro social network o sito web a cui hai accesso, con un semplice gesto che non costa nulla, puoi aiutarci a farci conoscere e far crescere la nostra community.

amazonbannercsimusic

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...